NGV

il progetto
l'archivio
completo
autori
compilation cd
categorie
cerca

 
guide
programmi
licenze
(CC)
La Banda Bellini - presentazione
Andrea Bellini - Presentazione con l'autore Marco Philopat del libro La Banda Bellini

autore Visual Communication Project
email vcp@ecn.org
citta' bologna
data 24/01/2003

nome del file ngv_ita_bo_20030124_bellini.avi
durata 00:57:49 (hh:mm:ss)
cd 26
grandezza 246.57 Mb
lingua it
mime type avi divx (video/avi)

Presentazione del libro La Banda Bellini di Marco Philopat con Andrea Bellini


Per un anno, Marco Philopat ha registrato le sue conversazioni con Andrea Bellini, protagonista e testimone di una Milano che, fotografata a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta, visse la profonda insoddisfazione di chi era nato
dopo il secondo conflitto mondiale e fu teatro di aspri scontri oggi rievocati
con uno stile secco e serrato dall'autore di Costretti a sanguinare. Romanzo sul
punk 1977-84 (Shake, 1997). Dal quartiere operaio Casoretto all'Istituto
Einstein, poi nelle strade, ai cortei, tra i lacrimogeni e le manganellate della
polizia, in lotta contro i fascisti come in un grande western urbano (un Gangs
of Milano senza le facciotte che al cinema fanno sospirare le ragazzine),
abitando una porzione temporale che precede il grande buio della lotta armata,
dell'eroina che resetta le menti di tanti compagni e del processo di
annientamento dei movimenti nelle fabbriche, nei quartieri, nelle universitÓ,
attuato da un Pci in odore di compromesso storico. "Sono le 15.30 il vice questore indossa il casco infilandosi la banda tricolore - poi fa cenno al
trombettista - che di fatto ordina la carica - peeerepppeeeerrre - pereppp...
Stunk - stunk - al terzo squillo un sampietrino dell'Elvezio - pone fine al
triste suono..." 1968-1977: dieci anni di impermeabili militari verdi, Ray-ban a
goccia sugli occhi (erano 'lo scalpo' strappato ai nemici, il trofeo di
battaglia), di identitÓ comune fortificata dall'amicizia. "Una volta mi sono
preso da un tipo losco e aristocratico un paio di costosissimi Ray-ban tecnici
con le lenti azzurre - e siccome dobbiamo travestirci - ho pensato che potevo portarli io - per il disorientamento con la doppia giravolta...". Andrea Bellini
era un capo, un picchiatore che in queste pagine diventa una voce 'altra'
rispetto a quelle degli intellettuali che fin qui hanno scritto saggi sui movimenti di lotta emersi dal dopoguerra italiano. Lucidamente contro la scelta
di impugnare le armi e partecipare al delirio dissolutivo degli anni di piombo
causato dalla perversa illusione di ottenere giustizia attraverso la violenza,
il protagonista di questa storia vera fa vivere fino in fondo al lettore il
passaggio dall'eroico fervore resistenziale dell'adolescenza al disorientamento provocato dai lutti, dal progressivo, irreversibile frammentarsi del tessuto unitario a metÓ dei Settanta. Milano, gli amici, i nemici e le donne. E le occupazioni, le rivendicazioni degli studenti che volevano distruggere
l'esistente senza riuscire a mettere bene a fuoco il futuro; la Statale (abitata
da spettri infarciti di ideologia stalinista), l'Unione Inquilini, Lotta Continua, i racconti dei vecchi partigiani, Mao Tse-tung e il popolo Viet-Cong,
la libertÓ sessuale come un rito d'iniziazione. Se La Banda Bellini fosse un film, sarebbe un Super 8 dalla pellicola graffiata ma girato benissimo. Se fosse una canzone, sarebbe senz'altro Gates of the West oppure The Magnificent seven dei Clash. Philopat, quarantenne scrittore passato dalle fanzines fotocopiate al web, ha costruito un libro avvincente puntando sull'amarezza degli sconfitti,
scegliendo un sopravvissuto che conserva il ricordo di un'ingenua
determinazione. Eroe di un quartiere rosso, personaggio che parla di errori e
ribellioni al nostro tempo, a chi oggi scende in piazza per manifestare
pacificamente il proprio dissenso, rischiando di essere comunque criminalizzato.

da
www.blackmailmag.com, 7/4/2003
di S.B.



FTP - seleziona un link per iniziare il download
http://dist.ngvision.org

suggerimenti in tema
commenti (aggiungi nuovo)
uisfwaob (jptqettnqx, arryfwbhxw@llegyc.com)
mkgdcaxa (qxswuroaxy, nqtdxlmtfg@krprug.com)
hcmlxlfx (nxzjldjikx, xjcqcrcyey@ehnpzs.com)
qhmuweig (xmdibtenil, iozlepwcpo@zabxul.com)
yldmosxu (mzmeflccdm, liydvuphzq@odpzqn.com)
dbfnsdph (syglpqtkmy, nbjzuonfpd@styjln.com)
qyuluzkv (loawkiojjx, aafrivrxyi@dqsjqn.com)
pmjwnejx (nlcnshcmic, yuszrwllnx@ieefag.com)
oxojjgpe (huktvycuje, wcokipfjlf@qjcewc.com)
tahfsdbi (wvwacozvmy, ewoadoolip@hnqzrm.com)
iuncaipj (qxkuzxilzo, ajdagzctej@fueefg.com)
tebgie (tebgie, khrbdg@shtnna.com)
Re: (EVELYNHowe20, samantamegang@mail15.com)
hosting · ISOLE NELLA RETE · AUTISTICI.ORG / INVENTATI.ORG